La cultura sessuale

Se vi stavate chiedendo dove sia la cultura sessuale più degradata negli Stati Uniti di oggi, il luogo in cui una percentuale importante della popolazione viene trattata come oggetto film porno sessuale ai più alti estremi, sicuramente le carceri saranno ai primi posti, anche se sono uno dei pochi luoghi in cui le film porno non è disponibile. Per queste e altre ragioni credo che il mondo attorno a me sia difficile da far conciliare con l’affermazione che viviamo in mezzo a “Una generazione di uomini che vedono le donne come oggetti da usare e di cui abusare per il proprio piacere sessuale” con la pornografia come causa. “Non solo tanti giovani non sono pronti per il matrimonio,” scrive Burk delle generazioni saturate dalla pornografia. “Non sono pronti neppure per una cena e film porno. Abbiamo seminato nel vento. Stiamo raccogliendo una tromba d’aria – specialmente le nostre figlie, che non hanno probabilità di trovare un uomo che non sia stato corrotto da tutto ciò.” Si consideri, tuttavia, che “nei due decenni a seguito dell’approvazione del Congresso degli Stati Uniti della legge sulla violenza contro le donne, le violenze domestiche sono diminuite drasticamente. I tassi annuali di violenza domestica non fatale sono diminuiti del 63% tra il 1994 e il 2012 – da 13,5 vittime ogni 1000 persone a 5 ogni 1000.” Burk pensa che le donne americane vivessero meglio nel 1994?